SuperFefè - SuperEroi Taxi Milano 25

Vai ai contenuti
SuperFefè, 10 anni di Catania, Sicilia
Ciao a tutti, come supereroe rappresento SuperFefè la “Fatina dell’arcobaleno”. Ho dieci anni, frequento la quinta elementare e sono una bambina socievole, simpatica,
alta e bella. Ho conosciuto Zia Caterina la prima volta che sono andata al CTO, mentre accompagnava una bambina di nome Rossana. Mi piacciono molto le fate, le sirene, le coccole e la Zia Caterina; invece ho paura dei ragni, dei serpenti e dei canini del Conte Dracula: ”mi terrorizzano!”
Mi piacciono anche i delfini, il mare, le Winx e gli animali dolci, come i coniglietti ed i cricetini. Abito in Sicilia, a Caltanissetta, con la mia famiglia e il mio fratellino; ho tanti amici e non vedo l’ora di ritornare da loro ed a casa mia. Questa esperienza mi ha fatto imparare che quando c’è un problema bisogna affrontarlo con coraggio e determinazione, anche se bisogna lasciare le cose a cui si tiene molto, che per me sono gli amici e la propria casa.
Come sei rappresentata?
Sono la fata dell’arcobaleno. Ho tanti colori, porto un paio di ballerine celesti con un fiocco giallo, sulla mia testa ho un cerchietto con le antenne a forma di taxi e nella mano ho una bacchetta magica a forma di cuore.
Perché hai scelto di essere rappresentata così?
Mi piacciono molto le fate, adoro l’arcobaleno per i colori e la magia con cui si crea. Il mio supereroe indossa le scarpette da danza e un vestitino bellissimo perché io prima danzavo e spero di rincominciare presto.
Che cosa si prova ad essere un supereroe del taxi Milano 25?
È bellissimo ed emozionante essere un supereroe. Ho iniziato questa avventura intanto conoscendo Zia Caterina e poi sono riuscita ad incontrare delle persone che non credevo avrei potuto conoscere mai, persone sincere e piene d’amore.
Che cosa provi quando sei sul taxi Milano 25?
Sono felice perché posso passare un pomeriggio diverso con la Zia e posso andare dove voglio.
Ricordi come hai conosciuto Zia Caterina e le prime impressioni?
L’ho conosciuta quando sono stata ricoverata per la prima volta al CTO. Lei accompagnava un’altra bambina con cui ho fatto subito amicizia. E quando l’ho vista mi è subito sembrata meravigliosa e magica.
Torna ai contenuti